Nives Pertot, Alessandro Starc, Roberto Budicin e “La luce del mare”

Lunedì 7 ottobre 2013, alle ore 18.30 presso il Caffè Tommaseo, di Trieste, si è tenuta la mostra della pittrice triestina Nives Pertot.
Nives Pertot ha frequentato l’Istituto d’Arte Nordio di Trieste e ha avuto come insegnante la pittrice Alice Psacaropulo. Ha sperimentato la sua creatività sbizzarrendosi utilizzando vari materiali. L’architetto e critico Marianna Accerboni ha introdotto la mostra dell’artista, spiegando, brevemente, le varie opere esposte. Ci sono alcuni dipinti realizzati ad acrilico, che si ispirano alla natura e si avvicinano di più alla pittura figurativa, v’è anche una sequenza dei “Notturni” realizzata con frammenti di specchi rotti, gesso e foglia d’oro. Esposti vediamo anche una serie di collage di fiori, perle, centrini ecc..
Alcune opere mi sono piaciute, proprio per la loro particolarità ed è bello vedere un’artista che prova più tecniche e utilizza vari materiali, ma, se devo esser sincera, non mi è piaciuta molto. Comunque è stato bello vederla, anche perché la location è davvero bellissima.

Quando è terminata la presentazione sono andata all’inaugurazione, alle ore 19.00, presso la Banca Mediolanum, della mostra di sculture, dello scultore, scenografo, decoratore e pittore triestino Alessandro Starc, anche lui, come la pittrice citata precedentemente, ha frequentato l’Istituto d’Arte di Trieste. Le opere esposte sono una serie di barche a vela, realizzate con legni come olivo, rovere, acero, noce, acacia e tanti altri, appoggiate su una base, che fa la vece del mare, in bronzo o legno, plasmata al meglio, in modo tale da far percepire la sensazione delle onde del mare che si muovono, trasportando l’imbarcazione, in un vasto mare. Anche questa mostra è stata introdotta dall’architetto e critico Marianna Accerboni, che ha raccontato la carriera dell’artista poliedrico, valorizzando al meglio le barche a vela. Le sculture esposte sono eccezionali, rapiscono il fiato e fanno sognare. Sono davvero meravigliose, consiglio vivamente di andarle a vedere!
Infine, per concludere la serata al meglio, sono andata a vedere la mostra “Viaggio nel colore”, del giovane pittore triestino Roberto Budicin, allestita nella Sala Comunale d’Arte.
Roberto Budicin grazie all’influenza del padre pittore, Sergio Budicin, fin da bambino ha dimostrato interesse per il disegno. Ha frequentato, da ragazzo, l’atelier del pittore Walter Falzari, dove si era esercitato nel disegno dal vero e nei ritratti. La mostra comprende una serie di ritratti, paesaggi, vedute e luoghi famosi come il Castello di Miramare, Villa Revoltella e Venezia. Alcune opere sono semplici, altre invece riescono a creare, grazie alle pennellate soavi e delicate, un effetto incredibile e penetrante. Le luci e i colori di alcuni dipinti sono spettacolari, quasi irreali, come ad esempio il quadro che ritrae la Basilica di San Marco e due figure, una delle quali suona i violino, avvolte in un clima rigido, tempestoso, con un’impronta pressoché fantastica. Ovviamente, i dipinti che mi sono piaciuti di più sono quelli che raccontano sulla tela, attraverso i colori, una Venezia magica, d’altronde Venezia è la fonte d’ispirazione di molti artisti, perché lei stessa ha qualcosa di speciale che stuzzica l’estro creativo dei pittori.

Ho trascorso proprio una piacevole serata!

Questa mattina, il 9 ottobre, sono andata a vedere la mostra “La luce del mare. Artisti contemporanei della Bisiacarìa”, presso la Sala Fittke. Bisiacarìa è il nome di una parte della regione FVG, che va dalle prime alture del Carso alla bassa pianura isontina e poi dalle foci del Timavo al basso Isonzo. Vi sono esposte tante opere astratte e solo tre figurative. I dipinti che mi hanno colpito di più sono due: uno è astratto ed è caratterizzato da un accostamento di colori che ricordano il mare, del pittore Sergio Davanzo e l’altro che mi è piaciuto ritrae una serie di barchette dai colori candidi e delicati.

Partendo dall’alto a sinistra: quadro di N. Pertot, scultura di A. Starc, N.Pertot, A.Starc, N.Pertot, quadri di R.Budicin e in basso a destra quadro di S.Davanzo.

Caffè Tommaseo – “La poliedrica attività di Nives Pertot”
Piazza Tommaseo 4/c Trieste
Dal 7 ottobre al 3 novembre 2013
Orario: tutti i giorni dalle 8.00 alle 23.00
Ingresso libero

Banca Mediolanum – “Le barche da sogno di Alessandro Starc”
Piazza dell’Unità d’Italia 3 Trieste
Dal 7 ottobre al 13 ottobre 2013
Orario: tutti i giorni dalle 8.30 alle 22.00
Ingresso libero

Sala Comunale d’Arte – “Viaggio nel colore di Roberto Budicin”
Piazza dell’Unità d’Italia 4 Trieste
Dal 2 ottobre al 16 ottobre 2013
Orario: tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00
Ingresso libero

Sala Fittke – “La luce del mare. Artisti contemporanei della Bisiacarìa”
Piazza Piccola 3 Trieste
Dal 4 ottobre al 22 ottobre 2013
Orario: tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00
Ingresso libero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...