LelioSwing a Trieste

LelioSwing a Trieste

Dopo il grande debutto avvenuto a Roma, lo scorso novembre, al Museo dei Fori Imperiali, presso i Mercati di Traiano, la tanto attesa mostra “LelioSwing, 50 anni di storia italiana” è arrivata al Magazzino delle Idee di Trieste ed è stata inaugurata sabato 15 marzo 2014. A partecipare all’evento sono stati: il Presidente della Provincia di Trieste Maria Teresa Bassa Poropat, la signora Rossana Luttazzi, il Vice Presidente della Fondazione Lelio Luttazzi, Cesare Bastelli e lo scenografo Leonardo Scarpa.

Il Presidente della Provincia ha voluto sottolineare quanto segue:

“Quando la signora Luttazzi mi ha proposto questa mostra, quello che mi è piaciuto in particolare, oltre al ricordo e al doveroso omaggio a Lelio Luttazzi, che noi triestini, ricordiamo nel suo ultimo concerto, in Piazza Unità del 2009, è stata anche la scelta di un percorso: la storia di Lelio Luttazzi, artista poliedrico, inserita nella storia del nostro paese e della città di Trieste”.

La signora Rossana Luttazzi ha ringraziato di cuore, tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questa mostra, dedicata a suo marito, che finalmente è arrivata nella sua città natale.

“Credo che oggi, la persona più felice sia Lelio, perché è qui, nella sua città, che ha amato per tutta la vita, a due passi dal mare, a quattro passi da Piazza Unità, che per lui era la piazza più bella del mondo, infatti ha voluto tornare in questa città, che ha sempre ricordato: nella musica, nella letteratura, come si vede nel libro, pubblicato da Einaudi, “L’erotismo di Oberdan Baciro”, una sorta di autobiografia della sua adolescenza. Credo veramente che in questo momento, sia molto contento e io sono felice per lui, perché se è contento lui, lo sono anch’io”.

Cesare Bastelli, curatore della mostra, ha voluto raccontare al pubblico anche alcuni aneddoti legati alla preparazione di “LelioSwing”.

“Una delle difficoltà, per la realizzazione di questa mostra —Lelio era uno che non conservava nulla della sua carriera— è stata il reperimento degli oggetti, che in qualche modo, ricordassero Lelio e che fossero il prodotto della sua carriera: dischi, filmati ecc…
Abbiamo cercato delle vie alternative per reperire le cose che avevamo deciso di mettere in mostra; avrebbero dovuto raccontare la sua vita. Ci è venuta incontro la modernità, nel senso che, per quanto possa sembrare curioso, una buona parte delle cose esposte le abbiamo trovate grazie ad internet, mentre le partiture, i testi scritti, sono stati forniti da Rossana.
Questa, non è una mostra chiusa. Sapendo di venire a Trieste, abbiamo cercato altre cose e l’abbiamo ampliata. L’incontro fortuito di Rossana, con la notizia che la vecchia auto di Lelio, una Mercedes, girava per la città, ha fatto in modo che ci rivolgessimo al antiquario che la possiede; ora è in mostra, davanti all’ingresso”.

Questa mostra triestina, come ha detto Bastelli, è stata ampliata e oltre alla Mercedes d’epoca è esposta anche la gigantografia di una foto trovata per caso, dallo stesso Bastelli.

“Qualche giorno fa, riponendo i fascicoli riguardanti la mostra, ho spostato la cartella “Argentina”, che mi aveva dato Rossana. In questa cartella, Lelio aveva conservato la rassegna stampa e qualche depliant sulla sua avventura in America e mettendo al suo posto questa cartella, mi è caduta a terra, l’ho raccolta e ho visto una piccola fotografia, che non avevo mai notato prima, l’ho guardata meglio e ho notato un manifesto di Broadway. Nella foto c’è Lelio che accenna un passo di balletto molto divertente e con lui altre signore. Probabilmente è l’unica foto esistente di Lelio in America”.

LelioSwing” non è una mostra tradizionale, ma è una mostra interattiva; attira un pubblico vastissimo, grazie ai video, al Jukebox funzionante e al software che permette di suonare, attraverso ad una tastiera virtuale, con Lelio Luttazzi. Sono da tener presente gli interessantissimi eventi collaterali “LelioMovie” — il calendario è disponibile nella pagina Facebook della Fondazione— che ricorderanno il mitico Luttazzi.

Vi consiglio vivamente di andare a vedere questa deliziosa mostra, curata nei minimi dettagli, che sprigiona l’enorme affetto di Rossana Luttazzi per suo marito. Non trovo le giuste parole per poter descrivere quanto mi piaccia trascorrere il tempo, tra gli oggetti di Lelio: i vecchi dischi, le vecchie foto, i poster dei film, i depliant, il pianoforte ecc…
Ringrazio di cuore Rossana per la sua cordialità e gentilezza!

L’intervista che ho fatto alla signora Luttazzi: http://www.centoparole.it/2014/03/rossana-luttazzi/

Info:

“LelioSwing, 50 anni di storia italiana” -16 marzo 2014 – 4 maggio 2014-
Magazzino delle Idee, Corso Cavour (ingresso lato mare), Trieste 

Ingresso libero
Orari: 
martedì e mercoledì 10-13 , giovedì 10-17 
e venerdì, sabato e domenica 10-13 e 15-19
Aperture straordinarie: domenica 20 aprile Pasqua (10-13 e 15-19), venerdì 25 aprile (15-19)  

Chiusura tutti i lunedì e giovedì 1° maggio
Le installazioni multimediali sono attive fino alle ore 18.45

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...